Home » Chi siamo » Organi di gestione

Comitato tecnico-scientifico della Rete

Il Comitato tecnico-scientifico della Rete di riserve è composto da:

  • Presidente o suo delegato;
  • 3 funzionari della Provincia autonoma di Trento in rappresentanza dei Dipartimenti competenti in materia di Conservazione della Natura e Foreste e e agricoltura;
  • 1 rappresentante del Muse o della Fondazione Mach;
  • 1 rappresentante designato d'intesa fra le Comunità di Valle, il Consorzio BIM dell'Adige;
  • 1 rappresentante designato d'intesa fra i Comuni partecipanti;
  • 1 rappresentante dell'Azienda Forestale Trento - Sopramonte;
  • 1 rappresentante dell'Agenzia provinciale per le foreste demaniali;
  • 1 rappresentante per ciascuna delle APT d'ambito.

La composizione del Comitato tecnico-scientifico ha durata triennale.
Il Comitato tecnico-scientifico convoca di volta in volta alle proprie riunioni i rappresentanti dei soggetti attuatori delle azioni inserite nel Piano di azione.

Il Comitato tecnico-scientifico svolge le seguenti funzioni e compiti:

  • supervisiona all'elaborazione del Piano di gestione in coerenza con gli indirizzi della Conferenza;
  • istruisce i contributi del Laboratorio sotto forma di fattibilità tecnica amministrativa ed economica, al fine di presentarli alla Conferenza;
  • struttura il Programma di azione sulla base degli indirizzi della Conferenza;
  • istruisce parere non vincolante sul coordinamento delle progettualità ricadenti nel territorio della Rete di riserve;
  • approfondisce e decide in merito agli aspetti attuativi delle azioni inserite nel Programma di azione;
  • monitora in itinere lo stato di attuazione del Piano di gestione e del Programma d'azione con particolare attenzione alle aree protette;

Il Comitato tecnico-scientifico è convocato dal Presidente ogni qualvolta lo si renda necessario e almeno 2 due volte all'anno. Esso è presieduto dal Presidente e vi partecipa il Coordinatore.

 
QR Code